Tradizioni per lo sposo: ecco quali sono

tradizione sposo

Così come la sposa, anche lo sposo ha qualche tradizione da rispettare se desidera che il matrimonio nasca sotto i migliori auspici. Oggi, cara sposina, vedremo insieme quali sono quelle che il tuo futuro marito dovrà seguire, prima durante e dopo la cerimonia!

Prima delle nozze

E’ tradizione che il giorno prima delle nozze il marito non veda la futura sposa perché porterebbe sfortuna. Quindi se tu e il tuo compagno convivete è usanza dormire separati, il giorno prima delle nozze. Ognuno a casa dei propri genitori, affinché il matrimonio nasca sotto una buona stella.

Mai tornare indietro

Altra usanza vuole che lo sposo, una volta varcato l’uscio di casa, non possa più tornare indietro per nessuna ragione. Qualora si fosse dimenticato qualcosa dovrà mandare qualcuno a prenderlo. Di solito è il testimone o la madre, la figura dedicata a questo compito.

Il bouquet

Deve essere regalato dallo sposo alla sposa. Si tratta infatti dell’ultimo regalo fatto “da fidanzati”. Visto che il giorno prima del matrimonio gli sposi non dovranno incontrarsi, è usanza che il bouquet sia accompagnato da un bigliettino, recapitato a casa della sposa, la stessa mattina in cui si celebra il matrimonio.

La cravatta

In alcune zone d’Italia è usanza tagliare la cravatta allo sposo. Questa verrà poi distribuita tra i vari invitati uomini, per portare fortuna.

La spiga

Tradizione vuole che lo sposo regali una spiga di grano alla sua compagna, dopo la cerimonia nuziale. Questo perché la spiga, simbolicamente, incarna la femminilità, ed è augurio di fecondità e benessere.

L’entrata in casa

Quando la coppia, finalmente sposata, entrerà in casa il marito deve prendere in braccio la sposa, per non farle appoggiare i piedi sull’uscio.
Sembra che questa usanza abbia radici molto antiche e faccia riferimento alla fedeltà. La donna che entrerà in casa tra le braccia del marito, ne uscirà allo stesso modo.

E tu, sei pronta per il giorno più importante dell’anno?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest